La violenza e il timore nel matrimonio

La violenza e il timore nel matrimonio

di Francesca Salami

Pagine 222 / ISBN 978-88-99257-59-0 / Settembre 2018
Ediz. cartacea: 14,90 euro

Dimostrando audacia e maestria, con la tempra dello studioso rigoroso e del giurista appassionato, Dossetti ha saputo esporre i risultati della sua ricerca storica e giuridica sul tema della nullità del matrimonio derivante da un consenso estorto con violenza e minacce, rivedendo così i fondamenti giuridici del sistema dei vizi della volontà “nuziale” in diritto canonico. L’opera qui analizzata (1943) ha costituito, almeno fino alla promulgazione del codice di diritto canonico (1983) e – ci sia concesso dirlo – decenni prima dell’avvento del movimento femminista Me Too (2017), un punto di riferimento e di discussione per tutti coloro che si sono occupati della delicata materia.

Francesca Salami (Correggio, 1974) si è laureata in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Modena nel 1998 e nel 2009 ha ottenuto la Licentia (con la valutazione massima) in Jure Canonico presso l’Università Pontificia Lateranense di Roma, conseguendo il Dottorato quest’anno (Summa cum Laude). Ha insegnato Diritto Canonico presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Reggio Emilia e ha svolto servizio presso il Tribunale Ecclesiastico di Modena in qualità di Difensore del Vincolo e Promotore di Giustizia. Presidente della sezione territoriale di Reggio Emilia dell’O.N.S.d.F. dal 2005, e membro dell’U.G.C.I. (Unione Giuristi Cattolici Italiani) dal 2016, è iscritta all’Albo degli Avvocati del Foro di Reggio Emilia dal 2001 e all’Albo degli Avvocati del Tribunale Ecclesiastico Regionale Emiliano dal 2015. Nel 2016 è stata eletta membro del Comitato Pari Opportunità del C.O.A. di Reggio Emilia ed è stata insignita dell’attestato di merito per aver contribuito alla nascita della Fondazione “Dopo di noi” Onlus nel 2008. Fondatrice di “Astrea” (sede a Reggio Emilia) è da sempre attiva nelle opere di volontario volte alla protezione delle persone fragili e vittime di violenza.