Sempre_meglio_che_lavorare

Sempre meglio che lavorare

di Pier Francesco Grasselli

Pagine 160 / ISBN 978-88-99257-67-5 / Novembre 2018
Ediz. cartacea: 12,90 euro

Dopo cinque romanzi e un silenzio durato otto lunghi anni (l’ultimo suo titolo risale al 2010), il volume “Sempre meglio che lavorare – Donne, solitudini e cocktail. Poesie 1998-2018” segna l’atteso e potente ritorno di Pier Francesco Grasselli in libreria..
Questa raccolta di inediti include tutte le poesie dello scrittore reggiano, scritte nell’arco di 20 anni e per lo più (ma non solo) dedicate alle donne. La caparbietà e la fragilità del giovane scrittore alle prese con gli editori e con la famiglia che lo disapprova emerge dalla poesia di Grasselli in modo ancor più nitido che dai suoi romanzi di successo. L’autore stavolta narra di sé in prima persona, mettendosi a nudo e facendosi spiare dal buco della scrittura di un diario intimo seducente e prismatico.
Il volume (160 pagine, in vendita sia in libreria sia sugli store online da venerdì 16 novembre) include componimenti umoristici, satirici e, ovviamente, erotici. In alcune composizioni lo scrittore svela il proprio lato sentimentale, insospettabile nell’autore del romanzo “Fanculo amore” (2009). In altre ancora, più esistenziali e spirituali, si avverte già l’interesse per il misticismo che lo avrebbe condotto, negli anni successivi, alla stesura del monumentale “La Ricerca di Sé stessi”.
La postfazione (scritta nel lontano 2004) è della celebre scrittrice Milena Milani (1917-2013) che Grasselli conobbe personalmente quando ancora era un giovanissimo aspirante scrittore.

Pier Francesco Grasselli è nato nel 1977 a Scandiano (Reggio Emilia), è autore della trilogia «maledetta» composta dai romanzi L’ultimo Cuba Libre (Mursia, 2006), All’inferno ci vado in Porsche (Mursia, 2007) e Vivere da morire (Mursia 2010), e dei romanzi Ho scaricato Miss Italia (Mursia, 2008) e Fanculo amore (Mursia 2009).